Manovra, la lotta agli sprechi si amplia anche a prodotti per l’igiene e cancelleria – Repubblica

Manovra, la lotta agli sprechi si amplia anche a prodotti per l’igiene e cancelleria

Approvati alcuni emendamenti che allargano i benefici della legge Gadda contro lo spreco alimentare. Aumenta anche la platea dei donatori, dalle farmacie ai grossisti

ROMA – La legge Gadda contro gli sprechi alimentari del 2016, si perfeziona con due emendamenti alla manovra approvati in commissione Bilancio della Camera, che consentono di ampliare le donazioni anche ai prodotti per l’igiene e a quelli di cartoleria. Si allarga, inoltre, la platea dei donatori che viene estesa anche a farmacie e grossisti e si rendono ancora più semplici le regole per donare. Si prosegue così sulla strada della semplificazione burocratica e fiscale dando maggiore uniformità e armonia al testo di legge.

• IL TESTO DEGLI EMENDAMENTI
I benefici fiscali della legge alla donazione di beni (nota anche come “legge 166”) si estendono dunque “ai prodotti destinati all’igiene e alla cura della persona e della casa, gli integratori alimentari, i biocidi, i presidi medico chirurgici e i prodotti farmaceutici, i prodotti di cartoleria e di cancelleria”, si legge nel testo delle modifiche che hanno avuto il via libera. Per quanto riguarda i farmaci, tra i donatori vengono incluse “le farmacie, le parafarmacie, i grossisti, le aziende titolari di autorizzazioni all’immissione in commercio di farmaci”.

“Questi emendamenti – spiega Maria Chiara Gadda (Pd), promotrice e relatrice della legge anti-sprechi e firmataria degli emendamenti – sono stati proposti tenendo conto del forte sviluppo che le donazioni hanno avuto a seguito dell’approvazione della legge 166”. In particolare, dalla sua entrata in vigore (14 settembre 2016) le sole donazioni alimentari “sono aumentate del 20%”, sottolinea la deputata dem.

• LA PIATTAFORMA #IONONSPRECOPERCHE’
Con l’occasione Gadda ha annunciato anche il lancio della piattaforma web #iononsprecoperché (www.iononsprecoperche.it), che permetterà agli attori della filiera di entrare in contatto tra loro creando opportunità di sviluppo per le donazioni, grazie anche alla presenza di esperti di vari settori che metteranno a disposizione le proprie esperienze e competenze gratuitamente.

“Ho voluto lanciare la piattaforma #iononsprecoperché – spiega la deputata- per divulgare le potenzialità di una legge che oggi ciascuno può applicare con grande semplicità. Una guida per tutti, per poter donare e ricevere, con l’aiuto di esperti, che metteranno a fattor comune le loro esperienze, e la condivisione di buone pratiche sull’intero territorio nazionale”.

La piattaforma “sarà inoltre uno spazio di conoscenza delle norme nazionali e comunitarie legate ai temi dell’economia circolare – continua Gadda – Promuoveremo inoltre campagne di educazione, formazione e sensibilizzazione sui benefici della legge per raggiungere il maggior numero di imprese ed esercizi che oggi possono donare con più agevolazioni rispetto al passato, e un supporto alle tante associazioni di volontariato impegnate su questo fronte”.

• BANCO ALIMENTARE: DONAZIONI PIU’ SEMPLICI
Soddisfatto dell’approvazione dei due emendamenti alla legge 166 anche il presidente della Fondazione Banco Alimenare Onlus, Andrea Giussani:  “È un importante passo in avanti verso la semplificazione del processo di donazione delle eccedenze alimentari. Le aziende saranno motivate a donare perché, da sempre, chiedono più chiarezza. Per Banco Alimentare, come per le altre organizzazioni non profit, questo

significherà avere solo un articolo di legge, che riconferma tutte le agevolazioni fiscali in capo ai donatori. Potremo emettere un solo documento, una semplice dichiarazione, non sotto forma di atto notorio, per certificare la donazione ricevuta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: