Maria Chiara Gadda, Pd: “Il Pd farà opposizione responsabile” – VareseNews

Maria Chiara Gadda, Pd: “Il Pd farà opposizione responsabile”

Gadda commenta la situazione politica nazionale in questi giorni dominata da grande incertezza sul percorso di creazione di un Governo del paese

«Il Partito Democratico rimane un punto di riferimento per milioni di cittadini, da questa premessa occorre ripartire con grande senso di responsabilità per affrontare questa difficile fase. Daremo finalmente a questo Paese una opposizione responsabile, cosa che purtroppo non abbiamo visto nei cinque anni di governo appena conclusi». A parlare è la deputata del Partito DemocraticoMaria Chiara Gadda che ha visto confermare il proprio mandato nelle urne lo scorso 4 marzo.

Gadda commenta la situazione politica nazionale in questi giorni dominata da grande incertezza sul percorso di creazione di un Governo del paese.

«Trovo davvero surreale lo scaricabarile di M5S e Lega, ancora troppo concentrati su Renzi e sul PD in mancanza, evidentemente, di serie proposte politiche per il governo del Paese – spiega Gadda -. I cittadini vorrebbero capire ora più che mai cosa queste forze politiche intendono fare e come riterranno di dare corso alle tante promesse elettorali. Il PD, a partire dalla Direzione nazionale di lunedì, ha giustamente avviato un percorso di riflessione che a mio parere non può prescindere da una analisi profonda della società in cui viviamo. È per questo che colgo con grande soddisfazione la scelta di tanti cittadini che si stanno iscrivendo oggi al PD, alcuni per la prima volta. Su questo – prosegue – anche a Varese si registrano dei segnali importanti. Ringrazio tra gli altri il professor Vincenzo Salvatore e l’assessore Roberto Cecchi per avere scelto di entrare a fare parte della comunità del PD di Varese. La loro esperienza politica e professionale, darà un contributo importante».

«Durante la campagna elettorale ho incontrato moltissime persone di qualità, appassionate, a cui rivolgo l’invito che ho raccolto anche io quando mi sono avvicinata alla politica da giovane neolaureata. Costruire dà più soddisfazione che distruggere, e la partecipazione in questo momento è un segnale che deve partire prima di tutto dal radicamento sul territorio e nella società. Per mio conto, – conclude – continuerò a rappresentare in Parlamento le esigenze della mia provincia e i temi di cui mi sono occupata in questi anni sostenendo il territorio e le sue grandi potenzialità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: